Nell’articolo precedente abbiamo esplorato il significato di “Servizio SaaS”, le principali caratteristiche di questo modello di business e come valutare un prodotto prima di decidere di acquistarlo.

In questa seconda parte Gianni Prosperi - Technical Director in Different Web tratterà uno degli aspetti fondamentali in grado di rendere un servizio SaaS un prodotto da utilizzare nel tempo: gli aggiornamenti.

Gli aspetti da tenere a mente mentre si pianifica e si sviluppa un modulo formativo sono tantissimi, ed è comprensibile possa sfuggire qualche imprecisione nelle fasi di progettazione e sviluppo del moduli, anche agli occhi dei più esperti.

Per questa ragione è importante acquisire familiarità con gli errori comuni per saperli identificare immediatamente e porre rimedio in tempi utili alla messa online del corso.

Voglio davvero gli aggiornamenti?

A chi non è mai capitato di aprire il proprio software preferito, accedere alla funzionalità che utilizza tutti i giorni e ritrovarla, con sorpresa, modificata?

È cambiata nell’aspetto, è cambiata nella User Experience, è, semplicemente, diversa. Una breve richiesta al supporto mette in luce che questi cambiamenti sono la conseguenza di un aggiornamento.

Il primo pensiero sicuramente sarà: “Perché?”.
“Perché cambiare qualcosa che nel mio flusso di lavoro funzionava così bene? Non potete riportare tutto come prima?”

Questa reazione istintiva è sicuramente comprensibile, ma è sempre importante cercare di capire “cosa” è cambiato e “come”: la maggior parte delle volte i cambiamenti sono minimi e con un occhio di riguardo verso la retrocompatibilità; in più, l’aggiornamento potrebbe aver portato nuove funzionalità che potrebbero rivelarsi molto utili e produttive.

piattaforma-lms-aggiornata

Perché un prodotto/servizio deve essere aggiornato?

piattaforma-lms-aggiornata-3

Le principali ragioni che portano alla necessità di aggiornare un proprio prodotto, sono due:

  • Sicurezza
  • Innovazione

Tutti i dispositivi che utilizziamo nel nostro quotidiano (smartphone, notebook, smart-tv), così come la maggior parte delle app al loro interno, se supportati, vengono aggiornati per correggere bug, migliorarne la sicurezza e introdurre novità in termini di funzionalità e infrastruttura.

Per un prodotto o servizio SaaS valgono le stesse regole: chi lo implementa deve curarne la sicurezza (sia in termini di implementazione che in termini di componenti) e l’innovazione (in termini di novità funzionali o miglioramento di quelle esistenti).

Aggiornamenti di sicurezza

piattaforma-lms-aggiornata-5

Mai sentito parlare di “bug”? È una parola ormai molto diffusa e descrive, in termini informatici, un problema o malfunzionamento ad un programma. In poche parole: se una funzionalità non si comporta come previsto, molto probabilmente è un bug.
Possono essere piccole noie (e molto spesso è così), ma possono anche rappresentare rischi per la sicurezza, in caso si presentino all’interno delle parti più delicate o importanti del prodotto o del servizio.

Per un team di produzione software è importantissimo evitare questi bug, adottando un sistema di sviluppo che ponga la sicurezza in cima alle priorità, eseguendo test in fase di sviluppo e di rilascio e valutando come ogni nuova implementazione può impattare sull’esistente.

Inoltre, poiché ogni software utilizza - anche in minima parte - componenti di terze parti, è importante che queste vengano aggiornate, in modo da mantenere alta la sicurezza del servizio.

 

Aggiornamenti di innovazione

piattaforma-lms-aggiornata-1

In questa categoria di aggiornamenti sono incluse tutte quelle migliorie spesso definite come “nuove funzionalità”. Tuttavia, è innovazione anche il supporto di un servizio alle novità offerte dai browser, l’interfacciamento con nuovi sistemi per un dialogo facilitato così come l’adozione di nuove tecnologie nel  servizio stesso, per migliorarne l’usabilità, le prestazioni e il funzionamento nel suo insieme.

L’innovazione, in tutti i suoi aspetti, può essere spesso invisibile (o quasi) ma è importantissima, in quanto mantiene il prodotto al passo con i tempi che, nel settore informatico in generale e quello web in particolare, corrono velocissimi.

Ma allora come devono essere gli aggiornamenti?

piattaforma-lms-aggiornata-6

Come spesso accade, non esiste la ricetta perfetta.
Esistono tuttavia alcuni accorgimenti e buone pratiche, accolte e messe in pratica nel corso degli anni dal team di produzione e sviluppo di Different Web, che è sempre bene verificare insieme al fornitore:

  • Gli aggiornamenti devono essere rilasciati spesso: non importa che essi siano molto piccoli o non portino novità altisonanti. Se risolvono qualche bug o migliorano, anche di poco, qualche funzionalità, è bene che vengano applicati;
  • Gli aggiornamenti devono essere comunicati ai clienti (o agli utenti), possibilmente specificando cosa è cambiato e mettendo in rilevanza le nuove funzionalità introdotte;

Non portare online nuove feature molto grandi in un colpo solo. Questo approccio porta vantaggi sia a chi sviluppa, sia a chi utilizza il servizio: l’utilizzatore potrà approcciarsi alle novità un po’ per volta, mentre chi sviluppa può aver tempo di raccogliere eventuali feedback, gestire al meglio eventuali problematiche segnalate ed assicurarsi che, a livello di sicurezza, tutto funzioni come previsto nelle fasi di progettazione.

Vuoi ricevere articoli e consigli interessanti sul mondo del Digital Learning?

Share This